Rieccoci

postato in: Personale | 0

Rieccoci!

Rieccoci, dopo un lungo periodo lento, dove i momenti rock sono stati pochi, circoscritti ma intensi.

Rieccoci, con un look nuovo, più moderno, arioso, con una tecnologia adattava per gli smartphone e i tablet, che dovrebbe far navigare più velocemente.

Rieccoci, con un leitmotiv che sia uno stile di vita, un insegnate serio, divertente ma rigoroso … la bicicletta.

Rieccoci, con alcuni cocci ancora da rincollare, ma con buone sensazioni da alimentare.

Rieccoci, con la speranza che questo vento di cambiamento, percepibile su diversi fronti, porti a concretizzare alcuni progetti già messi in cantiere diverso tempo fa, e altri in fase di allestimento ma, non meno stimolanti ed eccitanti.

Rieccoci, con alle spalle un fantastico viaggio negli States da cui, per le motivazioni che mi hanno spinto a farlo, per l’umore con cui l’ho vissuto, per l’esperienze avute e per le riflessioni che ha scatenato, è stato cruciale e fondamentale … per tanti e tanti motivi. È stata la mia prima volta negli USA (e non sarà certo l’ultima) e quello che si dici alle nostra latitudini, quello che dai libri, dalla TV, dalla interminabile filmografia, si può apprendere sull’America, è proprio vero: l’America è l’America! Lo è con le sue disarmanti contraddizioni e con le sue fantastiche iniziative, capacità, aperture mentali, senso civico, opportunità. La mia esperienza è stata assolutamente positiva e costruttiva; due flash vorrei ricordare, tra i tanti che potrei.
Il primo: Boston, al crepuscolo, seduto su una panchina nella darsena del porto turistico; davanti l’oceano calmo e infinito; alle spalle i grattacieli incastonati tra le antiche e storiche case; tutto molto romantico e struggente allo stesso tempo.
Il secondo: College di Harvard, una mattina di ordinarie lezioni al campus; ragazzi di tutte le razze che di corsa entrano in aula per le lezioni; altri che ripassano appunti su una sedia colorata del parco; un pulmino della posta che consegna la corrispondenza proveniente chissà da dove; una coppietta con gli zaini in spalla che si baciano e si tengono stretti; tutto intorno, un caotico ordine in cui tutto è al suo posto: il curato green dei prati; le sedie delle biblioteche allineate; le file per pranzare in mensa oppure per assistere ad alcuni esperimenti all’aperto da parte di studenti ambiziosi ed originali; tutto molto stimolante e tenero allo stesso tempo.

Rieccoci, per ricominciare a scrivere e a pubblicare costantemente news tra il serio e il faceto, sempre con la speranza di suscitare interesse per chi fosse particolarmente curioso e per chi avesse qualche minuto del suo tempo per … smarcarsi dalle omologazioni per non mettere radici.

Rieccoci!

Lascia un commento